«

»

Mag 12

AIA Palermo al corso di informazione del Città di Carini

Nella giornata di Martedì 8 Maggio, presso l’Auditorium dell’Istituto Laura Lanza Baronessa di Carini, la società locale ASD Città di Carini ha organizzato il “Corso di Informazione 2017/2018” dedicato ai ragazzi del settore giovanile, ad alcuni studenti selezionati, ed ai loro genitori. Responsabile del progetto “Scuola calcio Elite” è Giuseppe Contrino in collaborazione con l’istituto Laura Lanza Baronessa di Carini. Nell’ambito di questo Corso, che ha trattato tematiche tecniche e nutrizionali relative all’alimentazione dello sportivo, è stata invitata a partecipare la nostra Sezione, al fine di comprendere il ruolo dell’Arbitro nella competizione sportiva calcistica ed il rapporto “Arbitro-Calciatori e Dirigenti”. Relatore della giornata è stato il nostro Vice Presidente Vicario Marcello Terzo che, per l’occasione, è stato accompagnato dal collega Vincenzo Prestigiacomo. “L’arbitro nel calcio moderno è un atleta tra gli atleti” : con questa frase si è aperto l’intervento del Vice Presidente che ha proiettato il video del settore tecnico che mette in risalto la figura dell’Arbitro nei 100 anni che lo hanno accompagnato dalla nascita della nostra Associazione sino ad oggi. Subito dopo, attraverso la proiezione di alcuni video ed alcune slide, ha messo in evidenza l’importanza del ruolo dell’Arbitro nel calcio moderno. Tanto spazio è stato dato alle curiosità dei ragazzi che, in maniera “spontanea” ed incuriositi dal “ruolo”, si sono cimentati in una raffica di domande più disparate. Successivamente è stata simulata una vera e propria riunione tecnica con i giovani calciatori della scuola calcio, per mostrare i metodi di formazione degli arbitri, lo studio delle dinamiche di gioco, la preparazione alla gara, l’approccio alla stessa ed il rapporto con le componenti all’interno del terreno di gioco. Sono stati proiettati alcuni video riguardanti azioni di gioco, e gli stessi sono stati commentati dai giovani che così hanno potuto constate le “difficoltà” nel gestire le situazioni “nell’immediatezza” e le difficoltà dell’Arbitro nel “vedere, elaborare e decidere” in una frazione di secondo. Il nostro Vice Presidente ha concluso l’incontro con una significativa frase che svela la chiave del successo, nello sport così come in qualsiasi altro campo: “Se è la testa a fare la differenza, occorre allenare la testa a fare la differenza”.