UN AIUTO PER COMPILARE IL REFERTO DI GARA

Terminologia da usare nel caso di rinvio di gara per condizioni meteorologiche avverse.

All’orario stabilito per l’inizio della gara, alla presenza dei due capitani, mi recavo sul terreno di gioco e constatavo che la gara non poteva avere inizio a causa (del terreno reso impraticabile dalla pioggia – neve – ghiaccio). Pertanto, ho provveduto a non far disputare la medesima.

Terminologia per le ammonizioni

  1. …perché commetteva fallo di mano allo scopo di impedire la segnatura di una rete avversaria, senza riuscirvi;
  2. …perché interrompeva con fallo di mano una azione avversaria di rilievo;
  3. …perché cercava di eludere la norma sul retro passaggio al proprio portiere, alzandosi il pallone sul (ginocchio – testa – petto) passandolo al portiere stesso;
  4. …perché si metteva subito davanti al pallone, dopo una interruzione di gioco, impedendo la rapida ripresa del gioco da parte degli avversari;
  5. …perché non si disponeva alla distanza prescritta in una ripresa di gioco;
  6. …perché si muoveva anzitempo dalla barriera, della quale faceva parte, impedendo la regolare esecuzione del calcio di punizione;
  7. …perché allontanava il pallone dopo una interruzione, per ritardare la ripresa del gioco da parte degli avversari;
  8. …perché tratteneva con sé il pallone dopo aver commesso fallo, impedendo agli avversari la rapida ripresa del gioco;
  9. …perché tratteneva con sé il pallone dopo aver subito (oppure segnato) una rete allo scopo di ritardare l’effettuazione della ripresa del gioco;
  10. …perché calciava lontano il pallone dopo aver subito (oppure segnato) una rete allo scopo di ritardare l’effettuazione della ripresa del gioco;
  11. …perché sgambettava un avversario in possesso del pallone;
  12. …perché tratteneva un avversario per la maglia o i pantaloncini fino a farlo cadere;
  13. …perché esternava – a parole ed a gesti – a distanza ed a gran voce – la sua disapprovazione nei riguardi di una mia decisione (o della segnalazione di un assistente dell’arbitro). (Ricordarsi di riportare le parole);
  14. …per aver fatto il gesto di colpire con un calcio – con un pugno – con uno schiaffo –un avversario;
  15. …perché simulava di aver subito un fallo;
  16. …per aver allontanato intenzionalmente il pallone dal punto in cui si doveva battere un calcio di punizione , in segno di protesta;
  17. …perché rientrava sul terreno di gioco senza il mio consenso;
  18. …perché tentava di ingannare –ingannava – un avversario chiamandogli il pallone;
  19. …perché disturbava con grida – gesti (oppure entrambi) il gioco degli avversari – l’effettuazione di una ripresa di gioco degli avversari;
  20. …perché si appoggiava su un compagno per saltare più in alto;
  21. …perché si aggrappava alla sbarra trasversale.

Terminologia per le espulsioni

  1. …perché sputava ad un avversario colpendolo (non colpendolo) al (parte del corpo);
  2. …perché fermava con le mani un tiro diretto in porta, privando gli avversari di una rete;
  3. …perché, portiere, usciva dall’area di rigore e, agendo come ultimo difendente, interrompeva con la mano una chiara azione da rete avversaria;
  4. …perché, portiere, fuori dall’area di rigore e agendo come ultimo difendente, sgambettava (tratteneva per la maglia – braccio) un avversario, privandolo dell’evidente possibilità di segnare una rete;
  5. …perché, portiere, in area di rigore agendo da ultimo difendente, sgambettava (tratteneva per la maglia – braccio – gamba) un avversario, privandolo dell’evidente possibilità di segnare una rete;
  6. …perché, da ultimo difendente, sgambettava (tratteneva per la maglia – braccio) un avversario, privandolo dell’evidente possibilità di segnare una rete;
  7. …perché, da ultimo difendente, fermava con le mani una azione di gioco, privando gli avversari di una evidente possibilità di segnare una rete;
  8. …perché colpiva (tentava di colpire) intenzionalmente con un calcio (un pugno – uno schiaffo – una testata – uno sputo) un avversario (indicare, in caso di violenza consumata, le eventuali conseguenze per il giocatore colpito);
  9. …per contegno provocatorio (specificare) verso i giocatori avversari (gli assistenti dell’arbitro – i sostenitori ospitanti/ospitati);
  10. …per ingiurie o gesti osceni (descrizione completa) verso il pubblico ospitanti/ospitati (gli assistenti all’arbitro);
  11. …per atteggiamento particolarmente irriguardoso (descrizione completa, riportando esattamente frasi e/o gesti) verso l’arbitro (gli assistenti);
  12. …per essersi allontanato dal campo per protesta (specificare le parole) contro il mio operato;
  13. perché reagiva ad una scorrettezza avversaria (descrivere quale) con un calcio (uno schiaffo – un pugno – una spinta vistosa);
  14. …perché, già ammonito, persisteva nel praticare un gioco falloso (antisportivo – proteste). Ricordarsi che il nome del giocatore deve comparire anche nella lista delle ammonizioni;
  15. …per avermi preso per la giacca della divisa (le braccia – le mani, etc.) oppure strattonato durante una protesta isolata (o collettiva). Ricordarsi di descrivere brevemente i motivi che hanno causato la protesta.
  16. …per essere venuti a reciproche vie di fatto (ad esempio, “il primo per aver colpito con un pugno l’avversario, il secondo per aver reagito con un calcio”);
  17. …per aver lanciato un qualsiasi oggetto contro l’arbitro (gli assistenti – gli avversari – i compagni – le persone ammesse nel recinto di gioco – qualunque altra persona);

In particolare, in caso di espulsione per:

a) spinta all’arbitro oppure ad un suo assistente;

  • indicare se è avvenuta con una o entrambe le mani,
  • se leggera, forte o violenta,
  • se ha causato a voi (o all’assistente) uno spostamento (e di quanti metri) oppure cadere.

b) schiaffo, pugno o calcio all’arbitro oppure ad un suo assistente;

  • leggero o forte,
  • parte colpita (viso, petto, gambe, etc.),
  • l’intensità del dolore (temporaneo, forte, leggero, etc.),
  • se vi sono stati danni fisici (allegare, in questa eventualità, copia del referto medico o del pronto soccorso).

c) lancio del pallone o fango o altri oggetti verso l’arbitro oppure un suo assistente;

  • se con le mani o con i piedi,
  • da quale distanza,
  • se vi ha colpito oppure no,
  • conseguenze.

d) sputo all’arbitro oppure ad un suo assistente;

  • da quale distanza è partito,
  • se vi ha colpito e dove.

Servizio d’ordine

Prendere atto ed annotare quanto comunicato alle società in merito alla Forza pubblica;
In caso di assenza di Forza Pubblica non scrivere sul referto di gara “NON ERA PRESENTE LA FORZA PUBBLICA“, ma riportare ” NON HO NOTATO LA PRESENZA DI FORZA PUBBLICA – ERA PRESENTE UN INCARICATO CON BRACCIALE CON FUNZIONI SOSTITUTIVE“.
Nel caso che la società non mettesse a disposizione nessun incaricato ( perché si rifiuta o perché non c’e’ nessuno in grado di farlo ) riportare: “NON HO NOTATO LA PRESENZA DI FORZA PUBBLICA E LA SOCIETA’ NON HA PROVVEDUTO AL SERVIZIO SOSTITUTIVO CON PERSONA INCARICATA CON BRACCIALE“.
Naturalmente nel caso più frequente, cioè con la presenza della Forza Pubblica riportare: “ho notato la presenza” di due o più Carabinieri, oppure Vigili Urbani o Polizia.
Indicare il numero degli agenti con il Corpo di appartenenza delle Forze dell’ Ordine.

Completare il rapporto con:

  • la firma;
  • l’indicazione di reperibilità;
  • Inserire il referto nell’apposita busta;
  • Imbucarlo nella cassetta pertinente, entro le 24 h successive alla gara salvo diverse disposizioni;
  • Per i colleghi che vanno fuori sede per motivi personali o lavoro portare con se il rapporto di gara, potrebbe servire per eventuali chiarimenti da parte del giudice sportivo.
  • Importante: Non apportare modifiche al Modulino di fine gara (modello 60-b/can-d) dopo che lo stesso è stato consegnato alle rispettive società, le modifiche, dimenticanze non scritte sul medesimo, vanno riportate sul rapporto specificandone il motivo.